Menu

Glossario LGBTIQ+ per tutti !@#§*&%!

Questo breve glossario presenta i termini e gli acronimi più comunemente utilizzati nell’ambito della comunicazione di Modena Pride.

Definendo come e quando utilizziamo questi termini ci auguriamo di poter chiarire ogni incomprensione sul corretto utilizzo degli stessi, facilitando così il lavoro delle attiviste e degli attivisti LGBTI, delle giornaliste e dei giornalisti, dei decisori politici, delle ricercatrici e ricercatori e delle studentesse e studenti.[1]

Genere: è un termine che definisce a livello psicologico se un individuo è maschio, femmina o androgino. Può indicare anche ciò che la società o la cultura definisce come “maschio” o “femmina”.

Orientamento Sessuale: indica un’attrazione, duratura, innata o immutabile, a livello emozionale, romantico o sessuale nei confronti di un’altra persona.

Identità di Genere: non è legata al sesso, ma alla nostra esperienze interiore e a come definiamo il nostro genere. L’identità di genere è legata a come ogni persona si definisce e si percepisce.

LGBTIQ+: Acronimo che indica lesbiche, gay, bisessuali, trans, intersessuali, queer. Il “+” ha un doppio significato: è un simbolo inclusivo che indica tutti gli orientamenti sessuali e identità di genere non etero e rappresenta inoltre l’inclusività delle persone sieropositive (HIV+).

Lesbica: una donna emotivamente e/o sessualmente attratta da altre donne.

Gay: un uomo emotivamente e/o sessualmente attratto da altri uomini.

Bisessuale: una persona sessualmente e/o sentimentalmente attratta da più di un solo genere.

Transgender: aggettivo spesso usato come sinonimo di trans*. In alternativa, è anche usato come identità in sé. A volte gli individui che vivono in un ruolo di genere diverso da quello assegnato alla nascita senza impegnarsi in alcun tipo di transizione medica si identificano come transgender. È un termine “politico”, cioè autoassegnato, in contrapposizione al termine “transessuale” che ha un’origine medica psichiatrica.

Intersex o intersessuale: una persona con caratteristiche (ormonali, morfologiche o genetiche) che non corrispondono (del tutto) alla descrizione medica di sesso maschile o femminile. Potrebbe sentirsi come un uomo o una donna o come una persona non binaria.

Queer: storicamente era un termine gergale dispregiativo usato per identificare le persone LGBTIQ+, è un termine che è stato abbracciato e rivendicato dalla comunità LGBTIQ+ come un simbolo di orgoglio, in rappresentanza di tutti gli individui che stanno fuori dalle “norme” su genere e sessualità; è un termine che rigetta completamente identità e definizioni.

Altri termini utilizzati sono:

Agender: una persona che non ha un allineamento personale né con il concetto di “uomo” né di “donna”, e quindi non si definisce in termine di genere (a volte chiamato anche di genere neutro o senza genere).

Androgino: un’espressione di genere che ha elementi sia di mascolinità che di femminilità.

Aromantic*: persona che non prova attrazione sentimentale verso altre persone.

Asessuale: una persona che generalmente non è sessualmente attratta da altre persone o sceglie di non svolgere attività sessuali.

Alleato/a: Una persona che non è LGBTIQ+ ma mostra supporto per le persone LGBTIQ+ e promuove l'uguaglianza in vari modi.

Bear: termine inglese che significa letteralmente “orso”. Nella cultura gay si utilizza per indicare uomini gay o bisessuali generalmente dalla corporatura robusta, spesso pelosi, caratterizzati da una espressione di genere mascolina.

Bifobia: la paura, la rabbia irragionevole, l'intolleranza e/o l'odio verso la bisessualità e le persone bisessuali.

Binario/Non-Binario: si riferisce al presupposto che esistono solo due generi: uomo e donna. Una persona non binaria è una persona che non si identifica come un uomo o una donna. Si potrebbe sentire come una persona non allineata con nessuno dei poli uomo/donna, che presenta sia elementi codificati come maschili, sia elementi codificati come femminili; potrebbe riconoscersi in un punto intermedio dello spettro di genere oppure sentirsi come estranea a questa definizione.

Cisgender: termine usato per descrivere una persona la cui identità di genere si allinea con quella tipicamente associata al sesso assegnato alla sua nascita.

Coming-out: dall’espressione inglese “coming out of the closet”, letteralmente “uscire dall’armadio”, significa dichiararsi, uscire allo scoperto. Indica il processo di riconoscimento, accettazione e rivelazione della propria identità come persona lesbica, gay, bisessuale, trans, intersessuale o altri orientamenti sessuali e identità di genere e della condivisione con altre persone.

Demisessuale: una persona che ha un’attrazione sessuale solo se è presente un’attrazione romantica o comunque un forte legame emotivo.

Eterosessuale: una persona che è sentimentalmente e sessualmente attratta da persone del genere percepito “opposto”.

GPA/ Gestazione per altri: è una tecnica di procreazione assistita dove una donna (gestante per altri), provvede alla gestazione per conto di una o più persone, il futuro genitore o genitori del nascituro. La fecondazione può essere effettuata sia con spermatozoo e ovuli della coppia sia attraverso donatrici e donatori attraverso il concepimento in vitro.

MtF/FtM: MtF : Transizione dal maschile al femminile. FtM : Transizione dal femminile al maschile

Omofobia: la paura o l’odio dell’omosessualità. In un senso più ampio il mostrare disapprovazione per le persone o per le relazioni LGBT * IQ (ad esempio qualcuno/a che si sente a disagio ad
accettare che qualcuno sia gay, lesbica, bisessuale o transgender).

Pansessuale: una persona che è sessualmente e/o sentimentalmente attratta da persone indipendentemente dal loro genere.

Polisessuale: una persona che è sessualmente e/o sentimentalmente attratta da diversi generi ma non tutti..

Riassegnazione di genere: procedure. Le procedure mediche che cambiano il corpo di una persona per meglio abbinarlo al loro genere (terapia ormonale, interventi chirurgici di cambiamento di sesso).

Sesso: si riferisce alle caratteristiche genetiche, biologiche e ormonali (organi riproduttivi, ormoni e cromosomi), solitamente descritte come “maschio” e “femmina”.

Surrogazione di maternità: vedi GPA

Transfobia: discriminazione o pregiudizio verso le persone trans basata sul semplice fatto di essere trans o legata all’espressione dell’identità di genere.

Transessuale: una persona che sperimenta una mancata corrispondenza tra il sesso con cui è nata e il genere nel quale si identifica. Alcune persone transessuali (ma non tutte) si sottopongono a trattamenti medici per abbinare il loro sesso fisico alla loro identità di genere.

Uomo Trans/Donna Trans: l’uomo trans ha fatto una transizione dal femminile al maschile e si identifica col pronome maschile (il trans); la donna trans ha fatto una transizione dal maschile al femminile e si identifica col pronome femminile (la trans).

 

[1] Per la redazione del presente glossario le fonti utilizzate sono: Risorse Arcobaleno – disponibile al seguente link: https://www.arcigay.it/wp-content/themes/arcigay/materiali/identita/risorsearcobaleno.pdf e Glossary - Ilga Europe disponibile al link https://www.ilga-europe.org/sites/default/files/glossary_october_2015_edition.pdf e Ilga, Bisexual Resource Center, http://bisexual.org

Torna su